Albo Discontinui VV.F. Trapani

Trapani -

Al Comandante Provinciale VV.F. Trapani

Ing. Vincenzo Verdina


E, p.c. Al Direttore Regionale VV.F. Sicilia

 

Alle OO.SS. VV.F. Regionali


A tutto il Personale SEDE


Oggetto: Albo dei Vigili Volontari in possesso di Decreto Ministeriale O.d.G N°68 del 08/09/2011; Selezione per la partecipazione ai corsi di idoneità a Vigile Volontario; OSSERVAZIONI e richiesta sospensione corso per i soggetti non aventi diritto.

 

Egregio Sig. Comandante, con la presente, nell’aver preso visione del nuovo albo dei VV.VV.F. decretati, facendo riferimento all’oggetto intendiamo osservare quanto segue:

  1. Da che mondo e mondo è regola generale di buone relazioni sindacali e di buon andamento dell’amministrazione “ NON CAMBIARE LE REGOLE IN CORSO D’OPERA “, per le scriventi OO.SS. i criteri restano l’anzianità di decreto e la giovane età e quando qualcuno le ha fatto rilevare in sede di delegazione trattante, che sarebbe stato opportuno considerare la data di presentazione delle istanze come principio generale della crono logicità della domanda, Ella non ha voluto ascoltare, ci chiediamo quale folgorazione sulle vie di Damasco, cosa le ha fatto cambiare idea?;

  2. Và rilevato che Ella, a mezzo del suo direttore della Formazione, ha dato un’improvvisa accelerata ai corsi di idoneità per VV.VV.F. a Gennaio, senza informare le scriventi e forse prendendo di sorpresa lo stesso Ufficio del Personale;

  3. Và altresì evidenziato che quando lo stesso Ufficio del Personale ha ricevuto le richieste dei due corsi, ha deciso di inviare a visita medica gli aspiranti VV.VV.F. in possesso di decreto scaduto ricevendo critiche da tutti (alcune sigle sindacali, ing. ed operatori dell’Ufficio personale compresi) e forse anche dalla S.V.I, dimenticando che è compito del Comando gestire l’albo dei vigili decretati in attesa di Corso di idoneità. Ed e’ diritto degli aspiranti decretati e più anziani fare il corso rispetto a chi il decreto lo riceve dopo a prescindere della validità della certificazione sanitaria che deve essere aggiornata a cura dell’Ufficio e dove invece ha regnato – secondo noi ad arte - una confusione gestionale impressionante;

  1. Si rileva altresì, che i partecipanti al Corso di idoneità a VVF attualmente in itinere, è stato probabilmente selezionato con i criteri da sempre stabiliti (anzianità decreto e giovane età) non tenendo conto della presentazione della domanda e soprattutto a discapito di chi avesse realmente diritto visto che la maggior parte di essi sono stati inviati a visita medica, viziando ovviamente l’elenco;

  2. Ricordiamo altresì, che le scriventi si sono lamentate per le anomalie di selezione dei discenti del corso che si sta svolgendo e di cui Ella è stato informato verbalmente, anomalie che hanno consentito la partecipazione al corso in oggetto di discenti i quali hanno ottenuto un beneficio a scapito di altri poiché alcuni di essi hanno effettuato le visite mediche presso il comando dopo il 01/03/2010, nonostante il termine perentorio da lei stabilito al 28/02/2010, prorogabile al 01/03/2010 perché domenica, oltre il quale non potevano essere effettuate visite per essere iscritti all’albo dei vigili volontari;

  3. Spontaneo viene chiedersi come mai i corsi che sono stati fatti sotto la sua gestione, lo scorso anno e nel 2009 sia a Trapani che a Pantelleria e Salemi, sono stati fatti con criteri inspiegabili ed assolutamente discrezionali e solo apparentemente (come dimostrano le vibrate proteste degli utenti) ispirate all’anzianità di Decreto, come ora dimostra il nuovo albo. Si ricorda ancora che molti aspiranti sono stati allora esclusi (illegittimamente) perché avevano il certificato medico scaduto.

  4. Come mai, Ella ha fatto quella grave irregolarità nel fare i corsi a Pantelleria (dove si è recato a fare esami persino in giorno festivo, il 1 Maggio) dove ha favorito i discenti di quel corso facendogli anche il corso aeroportuale e penalizzando chi invece il Corso l’aveva fatto prima senza l’aeroportuale, sicché quei vigili volontari non possono effettuare SERVIZIO A PANTELLERIA, essendo una sede aeroportuale, subendo un grave danno e finendo per favorire alcuni a danno di altri.

La sua risposta a questa arbitrarietà diffusa, alla fine del suo mandato, è quella di avviare una procedura trasparente che sempre le scriventi hanno chiesto, insieme al principio di priorità per chi ha già maturato esperienza nel campo dei servizi antincendio o che abbia in famiglia un componente del Corpo Nazionale dei VV.F. che Ella non ha mai voluto tenere in considerazione! E’ proprio il caso di dirlo, MEGLIO TARDI CHE MAI!! LA INVITIAMO PERO’ ANCHE A SANARE LE GRAVI ILLEGITTIMITA’ CONSUMATE NEL PASSATO.

Se Ella agisce in questo modo viene spontaneo pensare che ritiene di dare un taglio netto col passato e sanare quanto di irregolare sia stato fatto nelle selezioni dei corsi passati, almeno che Ella non abbia da far rilevare un comportamento illegittimo dell’Ufficio del Personale e del suo nuovo responsabile il Direttore Amministrativo in questa ultima selezione, per cui è necessario porre rimedio con criteri oggettivi dalle scriventi sempre richiesti. In sostanza ci si chiede come mai, sotto la sua stessa gestione, i suoi collaboratori hanno fatto il bello e il cattivo tempo nella selezione dei Vigili Volontari?

Le scriventi non intendono sanare comportamenti illegittimi passati (cosa che probabilmente Ella invece ha inteso fare) si chiede ad es. di approfondire come mai alcuni discenti del corso precedente abbiano iniziato il corso senza che vi fosse l’esito degli esami sanitari effettuati al Palazzo delle Ferrovie di Palermo, mentre altri sono stati esclusi per lo stesso motivo??

Pertanto con la presente, vista la sua buona volontà manifestata con l’istituzione dell’albo dei decretati, di ripristinare legalità, la invitiamo ad una verifica urgente di tutti gli atti da Ella in possesso, al fine di stabilire chi realmente abbia diritto ad effettuare il corso per VVF che si sta svolgendo ed i successivi corsi, non mancando di escludere tempestivamente, senza fargli sostenere gli esami, i discenti che stanno frequentando il corso che non ne avessero diritto a partecipare, in modo da non ammetterli agli esami finali che a breve dovranno essere sostenuti. Ella dovrebbe anche bloccare tutto, visto che ha voluto istituire l’albo dei decretati in corso d’opera, inserire tutti i frequentanti del corso nell’Albo dei decretati e stabilire concretamente chi ne ha realmente diritto, visto che a prima vista, guardando l’albo, molti dei corsisti non hanno diritto di frequentare il Corso di idoneità.

Corre l’obbligo di dire, infine, che chi le scrive fino ad oggi è rimasto in silenzio per evitare polemiche ed accuse che non fanno onore a codesto Comando ma considerato che lei ad oggi non è stato in grado di garantire a tutti un equo trattamento abbiamo ritenuto, nostro malgrado , necessario denunciare quanto fin qui descritto, confidando in un impegno immediato.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni