Perché per i lavoratori è diventato così difficile vivere dignitosamente? -volantone-

Nazionale -

In allegato il volantone impaginato

>> I crack finanziari sui mutui statunitensi dimostrano che lo scippo del TFR e quello futuro sul TFS dei pubblici dipendenti erano e sono una truffa a danno di lavoratori e pensionati.


>> Ma chi ha pagato questi centinaia di miliardi di euro agli speculatori finanziari se non noi con le nostre ormai decennali finanziarie di lacrime e sangue per sostenere la moneta unica e la BCE?


>> Hanno fatto bene i dipendenti privati a non farsi scippare il TFR dai fondi pensione.


>> Ma perché si fa sempre più fatica ad andare avanti con questi stipendi?


>> I furbacchioni e i commentatori disonesti (siano essi giornalisti, economisti, uomini politici o professori), ci rispondono sempre che nel resto dell’Europa gli stipendi sono più alti perché sono più alti anche i prezzi. Ma uno studio dell’Unione Banche Svizzere (fonte sicuramente non vicina ai lavoratori) dice esattamente IL CONTRARIO.

 
>> Gli stessi furbacchioni e commentatori disonesti (siano essi giornalisti, economisti, uomini politici o professori), ci dicono anche che i salari dei lavoratori in Italia sono bassi… perché lavoriamo meno ore che negli altri paesi europei. MA ANCHE QUESTO È FALSO! Un rapporto dell’OCSE (Organizzazione Cooperazione e Sviluppo Economico composta da tutti i maggiori paesi industrializzati) smentisce clamorosamente questa menzogna ripetuta all’infinito sui giornali e nei salotti.

 

Nel volantone allegato una attenta analisi della situazione

Scarica l'Instant Boook

La presentazione dell'instant Book "Sicuri, a scuola".

Sciopero della Sanità pubblica e privata

Assemblea Nazionale USB INPS

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati