CROCE ROSSA: PRECARI, IN CORSO SCIOPERO DELLA FAME

Roma -

Si inasprisce la vertenza dei precari della Croce Rossa Italiana, quasi 2 mila persone, che potrebbero essere disoccupati dal primo gennaio 2008. Alcuni lavoratori hanno cominciato, già da qualche giorno, lo sciopero della fame per protestare contro la mancata stabilizzazione del posto di lavoro. Si tratta di quattro giorni di digiuno a staffetta.

Tre per ora i comitati provinciali in cui si sta effettuando quest'azione di lotta: Roma, Firenze, Torino.

In tutte le regioni - afferma Lorena Guidi, coordinatrice nazionale dei precari Cri - sono in corso assemblee permanenti e nella sede del comitato nazionale a Roma è stato allestito un presidio.

Lunedì prossimo, sempre nella capitale, è in programma una assemblea nazionale che deciderà nuove azioni di lotta. Guidi spiega che le proteste sono contro «il governo e una amministrazione che li ha abbandonati privandoli del diritto alla stabilizzazione previsto dalla finanziaria 2007.

Senza interventi chiari, dal primo gennaio 2008 - prosegue Guidi - non avremo più un lavoro». Intanto, oggi si è tenuta l'assemblea nazionale della Cri che ha ascoltato le ragioni della protesta da parte della Rdb-Cub.

Secondo quanto si è appreso, l'assemblea ha applaudito al termine dell'intervento dei rappresentanti sindacali.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni