INCONTRO ATTIVITA' ISPETTIVA

Roma -

 

TAVOLO TECNICO …  ATTIVITÀ ISPETTIVA ?

                                     

L’incontro che si svolto il 16 maggio scorso presso la sede centrale del Ministero del Lavoro con la pretesa di rappresentare un tavolo atto a porre al centro l’attività ispettiva si è rivelato di fatto uno sfogatoio,  un momento in cui diversi rappresentanti sindacali, a fronte di una problematica così importante, hanno evidenziato spesso situazioni parcellizzate a tal punto da sembrare di voler perseguire più che altro  interessi corporativi  e chiaramente, così facendo, hanno dato modo alla delegazione del Ministero di non affrontare il reale problema:

-  IL PROGRESSIVO SMANTELLAMENTO DELLA FUNZIONE ISPETTIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI E LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DEGLI STESSI  -

L’Unione Sindacale di Base ritiene, come ha esposto durante l’incontro,  che la questione vada analizzata su due piani strettamente connessi tra loro.

Un piano è rappresentato  dall’ inesorabile  stravolgimento  delle regole volte a tutelare i diritti e la salute dei lavoratori,  con l’obbiettivo di cancellare con ogni mezzo tutte le conquiste strappate al padronato  in decenni di lotte da parte della classe operaia e l’ultimo decreto, il cosiddetto decreto sviluppo, chiude come si suole dire il cerchio a salvaguardia dei profitti delle imprese e a detrimento dei diritti  dei lavoratori.

L’altro piano è rappresentato dai diritti degli stessi ispettori che vengono mandati allo sbaraglio additati dal governo come coloro che ostacolano i processi di sviluppo delle imprese, costretti ad operare  spesso  a loro spese e senza una normativa adeguata sull’orario di lavoro; orario di lavoro che presuppone l’impiego maggiormente retribuito degli ispettori nei giorni festivi e nel lavoro notturno mentre l’attuale normativa è quella classica degli impiegati civili dello stato che ovviamente  non si conforma con i tempi  delle attività delle aziende e quindi  con  l’attività di controllo nel suo complesso (orario  vigente generalmente articolato su cinque giorni con due rientri pomeridiani oppure orario continuato con la pausa o meno secondo accordi di settore che svolgono quindi attività lavorativa per 7,12 ore). 

Su entrambi i fronti  il Ministero del Lavoro  ha fatto e continua a fare  orecchie da mercante.  Perché?

Proviamo a dare una risposta “in pillole”.

Il Ministero del Lavoro, indipendentemente dal colore politico dei governi succedutisi negli ultimi 40 anni,  può considerarsi “l’architetto” che ha ideato  le controriforme neoliberiste  del mondo del lavoro, propagandate come innovazioni necessarie alla modernizzazione del paese, quindi  indispensabili   per lo sviluppo economico e quindi per l’occupazione.  Abbiamo ben visto come è andata a finire  e già i segnali c’erano tutti molto prima  dell’inizio della crisi finanziaria mondiale.

Dopo aver svuotato di funzioni credibili i suoi uffici di collocamento  e dopo averli poi di fatto aboliti nel nome della privatizzazione e precarizzazione selvaggia del mercato del lavoro, il Ministero del Lavoro si  è dato l’obbiettivo di trasformare l’ispettore del lavoro in consulente al servizio delle imprese e, comunque, di renderlo il più innocuo possibile. Ed anche l’organizzazione del lavoro all’interno degli uffici territoriali ha seguito – come è ovvio – la stessa strada.  Non a caso, infatti, sono  state sottratte  centinaia di unità  ispettive  dalla DPL di Roma per essere più “proficuamente” utilizzate presso le D.G. del Ministero in funzioni amministrative, pur sapendo che un efficace deterrente per gli abusi delle imprese in termini di sicurezza sul lavoro ed evasione contributiva  non può che essere rappresentato da una vigilanza continua e costante sul territorio rapportata, nel numero dei suoi addetti,  al numero delle aziende. Né  può considerarsi un buon risultato, a nostro avviso, il dato di trecentomila interventi ispettivi   sull’intero territorio nazionale annunciato dal Dott. Pennesi, D.G. dell’attività ispettiva, dal momento che le imprese sono oltre cinquemilioni e gli omicidi sul lavoro continuano a mantenere livelli altissimi nonostante si siano persi oltre  un milione di posti di lavoro.

Ed è sconfortante, pure se per noi assolutamente scontato, che le stesse organizzazioni sindacali artefici, per la loro parte, dell’attacco forsennato all’insieme del diritto del lavoro  - dallo Statuto dei Lavoratori fino ai Contratti Collettivi -   e che hanno predisposto sul piano culturale il terreno per l’attuale riforma finto meritocratica della P.A.,  fingano di stupirsi che la Direzione Generale dell’Attività ispettiva sia:

più preoccupata di garantire il raggiungimento degli obbiettivi a prescindere da come essi vengono raggiunti”.

O siamo nel campo del’ipocrisia più indecente o è il teatro dell’assurdo.  Fate voi.

Quanto suddetto rappresenta a nostro avviso un quadro molto negativo, al di la delle valutazioni che esprime il Ministero, per gli attacchi portati alle condizioni di lavoro e gli stessi ispettori non si devono sentire una casta a se stante non coinvolti in questo processo di riduzione di diritti e di tutele ma devono acquisire la consapevolezza che essi stessi vengono vessati dal governo e dal padronato. Basti riflettere sul fatto che  si pretende di monitorare al millesimo la loro attività professionale quando la stessa è  ormai ridotta ad una forma di consulenza e comunque di collaborazione con le aziende.

Il messaggio è chiaro, se le aziende sono poco controllate è perché molti ispettori  disattendono ai loro compiti istituzionali, ma adesso ci pensa il governo a farli rigare dritto!

Siamo abituati da troppo tempo all’inversione propagandistica del vero da parte del governo in carica.  Forse ci sbagliamo ma ci pare però che non siano più tanti gli italiani disposti a bersi queste favole.

Invitiamo pertanto gli ispettori a sentirsi parte integrante della classe lavoratrice che necessariamente  è chiamata a ricercare e a trovare  le modalità più efficaci per rispondere agli  attacchi forsennati.

Nelle prossime settimane metteremo in campo iniziative  di lotta  per contribuire  a creare le condizioni per una inversione di tendenza.

 

Roma, 23 maggio 2011             USB P.I. - Coordinamento Nazionale Lavoro e P.S.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni