Indennità di produzione doppia per il Gabinetto del Ministro Matteoli: FUA 2009 x 2 ma...a carte truccate.

Non bastava l'abnorme crescita delle infra-strutture tecniche di missione e consulenze annesse, (vedi comunicati) le ampie quote in lavoro straordinario elargite e tenute segretate per "ragioni di privacy" dall'Amministrazione alle strutture di supporto delle strutture di supporto, quasi un complesso sistema di scatole cinesi, per cui alla fine si sa solo che alcuni lavoratori guadagnano il doppio degli altri, ma non si sa perchè.

Per non parlare degli incarichi retribuiti commissioni e sottocommissioni, totalmente fuori dalle previsioni della direttiva Di Pietro e da ogni criterio di trasparenza ed equità, o della dilagante esternalizzazione che serve a "compensare" il blocco delle assunzioni, peggiorando il servizio ed i costi  e pagando "la cresta" a società esterne private, che in realtà appaltano manodopera e svendono i diritti dei lavoratori.

Adesso l'Amministrazione spinge ancora di più  la contrapposizione tra lavoratori usando i soldi dei lavoratori stessi.

Questo avviene nel modo più diretto proprio nel caso del  FUA, dove ogni discriminazione degli uni rispetto agli altri equivale, lo  ricordiamo, a togliersi i soldi di tasca uno con l'altro!

Parliamo di cifre modeste, ancor più nel nostro ministero, ma il principio conta perchè sia "esemplare".

A seguire il comunicato USB relativo al brutto accordo FUA 2009 siglato da tutti i presenti alla riunione ad asclusione della nostra sigla.

Gabinetto del Ministro e Struttura Tecnica di missione

IL FUA A CARTE TRUCCATE

Si è svolta ieri la contrattazione decentrata per la ripartizione del FUA 2009/2010 tra i lavoratori della sede RSU del Gabinetto del Ministro Matteoli e Struttura tecnica di missione (per chi non percepisce indennità di Gabinetto).

Per il 2009 la USB non ha firmato l'accordo mentre grazie alla firma di CISL, CGIL, FLP ed RSU questo è il risultato:

Ad uno dei 40 lavoratori del Gabinetto vanno € 1.492,00 lordi*

Ad uno dei restanti 8580 del Ministero vanno € 832,00 lordi*

(*importi calcolati senza turnazioni, reperibilità, indennità di legge e per progetti collettivi e cioè ridistribuito in parti uguali)

Non stiamo parlando di indennità o prebende varie ma di FUA.

Come è possibile questa differenza sul FUA cioè sulla quota ripartita presa dalle tasche di tutti i lavoratori e che dovrebbe essere identica per tutti nelle condizioni suddette*?

Semplice: omettendo di trasmettere i dati coerenti a chi ripartisce le somme o meglio diciamo noi: TRUCCANDO LE CARTE.

Si invia il dato delle presenze al 1 gennaio 2009 (nota bene nel 2010) e poi non si considera il fatto che i lavoratori “entrano ed escono” dalla cosiddetta diretta collaborazione, casomai a mesi alterni, come in passato denunciato dalla RdB, ed il gioco è fatto: poiché l'indennità relativa non è per tutti (troppi) si tenta così di compensare... “gonfiando” il FUA e togliendo dalle tasche di tutti gli altri lavoratori del ministero. (Per la RSU questa forma di perequazione invece è persino un diritto!)

La riunione, di un mese fa, era stata rinviata proprio perchè USB ed FLP si erano accorti che qualcosa non andava nei conteggi presenze e così ieri l'Amministrazione si è presentata con una proposta, ispirata ai criteri di EQUITA' E GIUSTIZIA (sic!) che prevedeva di ridurre la quota procapite di FUA per il Gabinetto almeno a € 1196 a testa, risparmiando così 15.000 euro (ridestinabili così per clausola di salvaguardia a tutti i lavoratori del ministero cioè ai legittimi proprietari.)

La USB, ritenendo che i criteri di equità non possano applicarsi “a metà”, ha chiesto di contrattare la corretta quota FUA dovuta e cioè € 3,2 procapite per ogni giornata di presenza, non certo € 5,74 ma neppure € 4,6 come da proposta, comunicando invece la rettifica e risparmiando 30.000 euro ma, soprattutto, salvando il principio.

CISL CGIL FLP ed RSU hanno invece rigettato ogni proposta tesa a rendere giustizia, rifiutando ogni riduzione degli importi ancorché dichiaratamente eccessivi.

Dopo varie sospensioni, il colpo di scena pomeridiano: il Capo Gabinetto Cons. Iafolla, mai presente ma consultato a distanza, ha ceduto alla posizione maggioritaria, cioè di tenersi tutto il maltolto, guardandosi bene dal turbare la quiete e le alchimie di quelle dorate stanze...e TANTI SALUTI AI CRITERI DI EQUITA' E GIUSTIZIA!

Penoso l'atteggiamento della CGIL giunta a minacciare lo sciopero dei lavoratori della sede se l'Amministrazione non avesse desistito dall'idea di correggere, anche parzialmente, le proprie omissioni andando ad intaccare così il privilegio di cui parliamo di avere un FUA doppio degli altri.

La USB, invece, è oggi in sciopero con il Pubblico Impiego per motivi ben diversi seppur molto legati alla netta opposizione a quei sindacati ormai ridotti a pure corporazioni.

Così l'accordo 2009 è stato siglato senza correzioni agli importi (la FLP, evidentemente richiamata all'ordine, firmava mentre dichiarava di “turarsi il naso” con l'altra mano) e produrrà la forte discriminazione di merito e di sostanza di cui sopra che poteva essere invece eliminata con un po' di onestà.

Invitiamo le RSU delle altre sedi, in primis quella di Via Nomentana, a denunciare pesantemente l'accaduto.

Per il 2010, a parte l'importo molto minore per tutti anche a causa degli stanziamenti per i passaggi (rimangono € 311 lordi medi a testa) i dati della sede in questione appaiono ridimensionati e pertanto la USB ha siglato, salvo verifica, l'accordo 2010 sulla base dell'apporto individuale ai progetti di tutti i lavoratori della sede in questione.

La nostra sigla chiederà ora ragione sulla coerenza dei dati trasmessi negli anni 2009 e 2010 per verificare le responsabilità che stanno a monte di questa inaccettabile sperequazione.


La USB ha immediatamente chiesto la  revisione degli importi assegnati alla sede sia nel 2009 che nel 2010, ma come sempre, con la firma di tutti gli altri, si indeboliscono i lavoratori e si rafforza il motto...  chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato, dimentichiamoci il passato.

Colleghi voi  per quanto volete continuare a dimenticare?

Sotto in allegato (appena saranno trasmessi dall'amministrazione) i verbali delle riunioni ed i testi degli accordi.

  p/Il Coordinamento USB Pubblico Impiego MIT Lorenzo Piangatelli - Pietro Petroni

AGGIORNAMENTO LUGLIO 2011

RICONOSCIAMO CORRETTEZZA ALLA SIGLA FLP CHE, RIVISTI CON PIU' ATTENZIONE I DATI E RICONOSCENDO  I TERMINI AMPIAMENTE INGIUSTI DELLA VICENDA, HA DECISO DI RITIRARE LA FIRMA DALL'ACCORDO  DEFINENDOLO "SCELLERATO" NEL PROPRIO COMUNICATO INFORMATIVO.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni