LEGGE DI IN-STABILITA': IL 21 NOVEMBRE USB DI NUOVO IN PIAZZA

Nazionale -

Mercoledì 21 novembre ore 15.00 presidio a Montecitorio

Dopo la grande manifestazione del 27 ottobre e dopo le mobilitazioni che in queste ultime due settimane  hanno riguardato tutti i settori del lavoro pubblico, dalla scuola agli enti previdenziali, dalla sanità alla ricerca, dalle agenzie fiscali ai ministeri ed agli enti locali e che hanno visto la presenza di migliaia di studenti  contrastare un modello di scuola che nega loro qualsiasi futuro,  la  USB P.I. chiama ancora le lavoratrici ed i lavoratori pubblici a scendere in piazza contro la legge di stabilità in discussione in Parlamento.



“Le mobilitazioni di queste ultime settimane- dichiara Daniela Mencarelli dell’Esecutivo  Nazionale USB  Pubblico Impiego-   hanno visto lavoratrici e  lavoratori protagonisti nel respingere le politiche di rapina che il governo sta continuando a mettere in atto, legge dopo legge, manovra dopo manovra,  contro i dipendenti  pubblici e contro lo stato sociale: segno evidente che la misura è ormai colma.”

“Ancora tagli alla sanità ed agli enti locali,  ancora blocco degli stipendi ,  sono solo alcuni dei contenuti  di una legge di stabilità che  avrà il sicuro effetto di destabilizzare sempre di più  la vita di milioni di persone che vivono di redditi da lavoro dipendente, costrette ad aggiungere alla già lunga “ lista della spesa”   gli effetti dell’aumento dell’IVA ed il costo per ottenere servizi  non più garantiti dalla Pubblica Amministrazione - conclude  Mencarelli - Per questo  abbiamo indetto questo nuovo appuntamento, mercoledì 21 novembre alle ore 15.00 sotto Montecitorio.”

Sciopero della Sanità pubblica e privata

Assemblea Nazionale USB INPS

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni