PIANO ASSUNZIONI 2011 E NOTIZIE VARIE

Nazionale -

Comunicato n. 12/11

 

 

Questa mattina l’amministrazione ha illustrato il piano per le assunzioni 2011 in base ai pensionamenti del 2010. La richiesta per le autorizzazioni deve essere inviata ai ministeri vigilanti entro il 15 marzo 2011.

 

 

Questa la proposta:                

  • Dirigenti – N. 20 posti (si esaurisce la graduatoria);              
  • C3 Amministrativi – N. 130 posti (rimarrebbero fuori ancora circa 100 idonei);                 
  • C1 Ispettori di vigilanza – N. 50 posti (ad oggi lo scorrimento è arrivato intorno al 504° posto della graduatoria anche a seguito delle rinunce);                 
  • B1 Amministrativi – N. 50 posti (ad oggi gli idonei sono circa 200).

 

Nel 2010, invece, in base ai pensionamenti 2009, risultano autorizzate le seguenti assunzioni: 10 Dirigenti; 20 C3 Informatici; 100 C3 Amministrativi; 51 C1 Ispettori di vigilanza; 31 B1 Amministrativi.

 

Nel nostro intervento abbiamo invitato l’amministrazione ad utilizzare il più possibile le graduatorie, cercando di esaurirle, a partire da quella relativa al concorso per B1, considerata la grave carenza d’organico complessiva. L’amministrazione si è mostrata disponibile, ma ha evidenziato che attualmente il margine per attingere ulteriormente alla graduatoria del concorso per B1, oltre ai numeri indicati, è piuttosto ristretto.

 

Un approfondimento sul piano delle assunzioni 2011 si svolgerà nell’incontro previsto per il 14 marzo.

 

L’amministrazione ha annunciato che entro l’anno bandirà due nuovi concorsi: per la posizione C1 Profilo Amministrativo e per Avvocato.

 

Per quanto riguarda la permanenza in servizio oltre il 65° anno di età, l’amministrazione ha comunicato che per il 2011 le autorizzazioni saranno pari a circa 21 unità.

 

NOTIZIE VARIE

 

Abbiamo, quindi, posto all’amministrazione alcune questioni:

  • Ulteriore anticipo del saldo dell’incentivo da erogare con lo stipendio di marzo. A breve sarà presa una decisione dal direttore generale.                
  • Raggiungimento piani di produzione. La questione sarà discussa in tempi ristretti al tavolo sindacale nazionale. Abbiamo ribadito che i lavoratori non debbono essere penalizzati da piani decisi autonomamente dall’amministrazione, per giunta con una riorganizzazione che tarda a manifestare frutti positivi.                  
  • Parametri 107 e 115 di maggiorazione dell’incentivo. Abbiamo richiamato l’attenzione dell’amministrazione sul fatto che nel contratto integrativo 2010, firmato soltanto da Cisl e Uil, manca un riferimento al riconoscimento della maggiorazione dell’incentivazione con parametro 107 per il personale da A1 a C2 e con parametro 115 per il personale che segue le cause in primo grado relative all’invalidità civile. L’amministrazione ha riconosciuto che l’assenza di uno specifico riferimento rappresenti un problema ed ha proposto la sottoscrizione di un verbale d’interpretazione autentica al momento della ratifica dell’accordo, da parte di chi firma l’intesa. La soluzione ci sembra rabberciata ma l’importante per noi è il risultato, a tutela delle migliaia di lavoratori interessati. Tuttavia non possiamo non rimarcare il comportamento negligente di chi ha firmato il contratto integrativo 2010 non accorgendosi di questa importante mancanza. Il voler firmare in fretta e a tutti i costi gli accordi, spesso soffocando le ragioni degli altri, può portare a questi risultati.

 

L’amministrazione ha infine annunciato la convocazione per il 10 marzo di un incontro per l’avvio della concertazione sul documento di Riorganizzazione dell’area della vigilanza.

 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni