Pubblico Impiego, dal governo un’elemosina di 21 euro lordi mensili: l’unica risposta è lo sciopero generale del 2 dicembre

Nazionale -

Nessuno stanziamento per i rinnovi dei contratti del Pubblico Impiego. Dopo la truffa del taglio del cuneo fiscale, l’ultimo escamotage del governo Meloni per eludere l’emergenza salariale che attraversa anche il settore pubblico è la previsione di un bonus inflazione dell’1,5 percento dello stipendio lordo.

L’ennesima elemosina, un provvedimento iniquo e sperequativo perché l’aumento fisso in percentuale garantirà cifre superiori ai redditi più alti, ovvero quelli dei dirigenti. Per i redditi “normali” ciò si traduce in circa 21 euro lordi mensili.

Non vi sono più dubbi: l’unica risposta alle politiche di questo governo è lo sciopero generale del 2 dicembre e la manifestazione nazionale di sabato 3 a Roma.

 

Unione Sindacale di Base – Pubblico Impiego

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati