PUBBLICO IMPIEGO PUGLIA: LE RAGIONI DELLO SCIOPERO

Bari -

Appello ai LAVORATORI e alle LAVORATRICI del Pubblico Impiego PUGLIA

Ai Lavoratori del Pubblico Impiego Puglia

 

SCIOPERO GENERALE E GENERALIZZATO

11 MARZO 2011

MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA

 

 

Perché lo sciopero?

 

Da più parti è giunta la richiesta di una mobilitazione generale di tutte le categorie dei Lavoratori per rispondere agli attacchi che TUTTI i Lavoratori stanno subendo: nel privato e nel pubblico.

Alcuni esempi?

La dottrina Marchionne che punta alla riduzione dei diritti all’interno delle fabbriche, delle garanzie dei lavoratori e dei diritti di rappresentanza delle organizzazioni sindacali non allineate.

 

La dottrina Brunetta che mira allo smantellamento della Pubblica Amministrazione per agevolare le esternalizzazioni di numerosi servizi attraverso l’impoverimento dell’azione pubblica con tagli agli organici, blocco del turn over e introduzione di logiche individualiste che contrappongono tra loro i Lavoratori (divide et impera) presi in giro da una finta meritocrazia.

 

La dottrina Tremonti che ha bloccato fino al 2014 il rinnovo dei contratti nazionali dei pubblici dipendenti, al 2010 il loro trattamento economico, praticamente paralizzato le progressioni di carriera. A ciò si aggiunga l’intervenuto innalzamento dell’età pensionabile delle donne a 65 anni!

 

 

 

 

Il recente Accordo del 4 febbraio 2011 tra Governo e sindacati complici stabilisce che le poche briciole risparmiate saranno destinate a finanziare l’impianto meritocratico della Legge Brunetta (si parla di qualche euro in più per il 25% dei “meritevoli”), che l’accordo quadro sulle relazioni sindacali previsto nell’accordo servirà a rimettere in carreggiata la riforma Brunetta rallentata, negli ultimi tempi, da numerose sentenze dei giudici.

 

Perché l’11 Marzo 2011?

 

In tale data s’incontreranno a BRUXELLES i capi dei 17 governi dell’eurozona per decidere le future politiche economiche di riduzione dei debiti pubblici per far fronte alla crisi internazionale al fine di costituire un fondo per i paesi in difficoltà. Pertanto sotto la copertura dell’Europa, il Governo si appresta ad una manovra finanziaria di 50 miliardi di euro l’anno per tre anni consecutivi, all’innalzamento dell’età pensionabile a 67 (sessantasette) anni per uomini e donne e al blocco sine die degli aumenti salariali.

 

Appello:

 

Se i lavoratori del Pubblico Impiego:

Vogliono rifiutare di essere il bancomat del Governo;

Vogliono impedire la riduzione dei servizi pubblici;

Vogliono cancellare la cosiddetta riforma Brunetta.

 

L’11 marzo è il loro giorno!!!

 

Aderiamo allo SCIOPERO ed alla

MANIFESTAZIONE NAZIONALE a ROMA

 Dalla Puglia Pullman da tutte le province. Per info 0805424993 oppure 3395209918

Su  www.sciopero11marzo.usb.it tutte le notizie in continuo aggiornamento.

 

C’E’ UN ALTRO MOTIVO PER SCIOPERARE, IL FURTO DI DEMOCRAZIA PER IL MANCATO RINNOVO DELLE RSU.

ELEZIONI RSU SUBITO, LA DEMOCRAZIA NON È UN’OPINIONE

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni