SANITA'. CI HANNO USURATO ANCHE I LAVORI USURANTI

Nazionale -

In allegato il volantino e la lettera inviata

DECRETO LEGISLATIVO 374/93  INDIVIDUA NELLA ALLEGATA TABELLA COME LAVORI PARTICOLARMENTE USURANTI GLI ADDETTI A PRONTO SOCCORSO, RIANIMAZIONE, CHIRURGIA D’URGENZA.

È ancora poco e sicuramente inadeguato, ma è un segnale di riconoscimento parziale di un disagio lavorativo reale e diffuso però non solo a questi servizi.

DECRETO MINISTERIALE 208 DEL 19 MAGGIO 1999, SCOMPAIONO DALLE ATTIVITA’ PARTICOLARMENTE USURANTI GLI ADDETTI AI SERVIZI DI PRONTO SOCCORSO, CHIRURGIA D’URGENZA E RIANIMAZIONE.

L’IPOTESI DI NORMATIVA ATTUALE  IGNORA TUTTI GLI OPERATORI SANITARI

LA LEGGE 335/95 AVEVA MODIFICATO IL DECRETO 374, RINVIANDO ALLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI MAGGIORMENTE RAPPRESENTATIVE IL COMPITO DI INDIVIDUARE E PROPORRE LE MANSIONI PARTICOLARMENTE USURANTI ALL’INTERNO DEI COMPARTI. CGIL CISL UIL NON LO HANNO FATTO E SI NASCONDONO DIETRO LA COMMISSIONE TECNICA REINTRODOTTA DAL DECRETO 208, O DECRETO SALVI.

È  INTOLLERABILE QUESTO COMPORTAMENTO

La nostra organizzazione ha provveduto ad inviare ai ministri competenti e alle commissioni parlamentari e tecniche una relazione che spiega come non si tratti di un semplice tentativo strumentale per andare in pensione prima del tempo, ma di una condizione lavorativa di estremo disagio. Le condizioni di disagio vissute dagli operatori sanitari sono forse riducibili in parte, ma risultano incomprimibili perché determinate da : processi assistenziali, lavoro per turni e lavoro notturno, cioè da funzione sociale.

Sappiamo che non basta una relazione tecnica per modificare un volontà di penalizzazione che è tutta politica, senza alcuna base scientifica, come tentano di farci credere. MOBILITIAMOCI PER IMPORRE IL RICONOSCIMENTO NELLE LEGGI E NEL RINNOVO CONTRATTUALE.

COSTRUIAMO I COMITATI AZIENDALI PER IL RICONOSCIMENTO DELLE MANSIONI PARTICOLARMENTE USURANTI E PREPARIAMO UNA GRANDE MANIFESTAZIONE A ROMA

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni