SPARATORIA PERUGIA: USB, NON SI PUO' MORIRE DI PUBBLICO IMPIEGO

Perugia -

“I fatti tragici accaduti oggi alla Regione Umbria rappresentano la punta dell’iceberg di un malessere sociale diffuso e giunto al limite della sopportazione”, è quanto dichiara Roberto Betti, della Direzione Nazionale USB Pubblico Impiego.

 

“La responsabilità morale di questo vero e proprio disastro sociale ha nomi e cognomi precisi - continua il rappresentante di USB – sono quelli di Monti, Berlusconi, Tremonti, Grilli, ma anche Brunetta e Patroni Griffi”.

 

“Dopo il dolore di tutti i lavoratori pubblici per la morte delle due dipendenti regionali, una delle quali precaria, pensiamo sia necessario che l’intera categoria trovi la forza di reagire e riprenda in mano il proprio destino, imponendo al prossimo governo l’annullamento delle riforme del pubblico impiego e una vera semplificazione amministrativa, affinché non si muoia più di lavoro pubblico”, conclude Roberto Betti.

Sciopero della Sanità pubblica e privata

Assemblea Nazionale USB INPS

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni