UN ACCORDO CONTRO I DIPENDENTI PUBBLICI. SCIOPERO GENERALE!

Nazionale -

In allegato il volantino e il testo dell'accordo

L’accordo sul pubblico impiego firmato il 4 Febbraio a Palazzo Chigi da Cisl, Uil, Ugl, Confsal ed Usae:

·    CONFERMA, con la complicità dei sindacati firmatari  l’impianto   della riforma Brunetta e l’applicazione delle famigerate  fasce di merito che non vengono messe in discussione, ma ribadite.

·    APPLICA le fasce attraverso  ipotetiche ed irrisorie risorse aggiuntive, destinate nel caso  a premiare solo i fortunati che rientreranno nella prima fascia.

·    TACE volutamente sui veri problemi della P.A.: blocco dei contratti,  licenziamento dei lavoratori precari, blocco per i prossimi 3 anni delle progressioni orizzontali e verticali, blocco del turn-over, aumento dei carichi di lavoro, tagli alle risorse destinate al miglior funzionamento della P.A. (missioni, formazione del personale…).

·    IMPORTA anche nel pubblico impiego un sistema di relazioni sindacali fondato sul modello Marchionne, che riconosce solo i sindacati complici e non sblocca il rinnovo delle RSU.  

·    CORRE  in aiuto ad un  Governo traballante e ad  un Ministro che non riesce neppure ad applicare la sua disastrosa  riforma , che era stata bloccata da innumerevoli sentenze della Magistratura.

Infine l’accordo tenta senza riuscirci di far recuperare credibilità a quei sindacati che nei posti di lavoro millantano la difesa dei nostri interessi per poi smentirsi ad ogni firma.

NON DIAMO CREDITO AI VENDITORI DI FUMO!
RESPINGIAMO L’ACCORDO AI MITTENTI



> CONTRO IL BLOCCO DEL RINNOVO DEI CONTRATTI E DELLE PROGRESSIONI ORIZZONTALI  E VERTICALI

> CONTRO LA RIFORMA BRUNETTA

> PER LA DIFESA DEI DIRITTI E DELLA DIGNITA' DEI DIPENDENTI PUBBLICI

> PER L'ASSUNZIONE DI TUTTI I LAVORATORI PRECARI

> PER LA DEMOCRAZIA SINDACALI E LE ELEZIONI RSU NEL PUBBLICO IMPIEGO

 

A MARZO LO SCIOPERO GENERALE DEI PUBBLICI DIPENDENTI

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni