"VEDREMO... FAREMO..."

Roma -

Il 23 febbraio 2011 si è tenuta la riunione tra le Amministrazioni del MEF, AAMS e OO.SS. riguardante la consultazione su schema DCPM concernente le dotazioni organiche del MEF e dell’AAMS e l’informativa sul provvedimento di definizione del contingente di personale che transiterà ad AAMS a decorrere dal 1 marzo p.v..

L’incontro non ha evidenziato alcun cambiamento in positivo rispetto al caos organizzativo e gestionale denunciato dalla nostra Organizzazione Sindacale. Al contrario, lo scenario complessivo in cui deve necessariamente contestualizzarsi l’intera operazione della chiusura delle DTEF risulta ancora più drammatico per le ripercussioni pesanti sui lavoratori e sulle condizioni operative delle Ragionerie Territoriali dello Stato.

Riportiamo sinteticamente di seguito gli esiti della consultazione e l’informativa ricevuta.

DOTAZIONI ORGANICHE

- le nuove dotazioni organiche del MEF sono pari complessivamente a n. 13537 unità di personale a fronte di un organico di fatto pari a 11486 unità (dato già decurtato dei 1439 lavoratori che passano fisicamente ad AAMS). La dotazione organica teorica deriva quindi dalla decurtazione, operata su quella preesistente, del numero dei colleghi passati all’AAMS con l’aggiunta di 247 unità teoriche cedute;

- le nuove dotazioni organiche dell’AAMS sono pari a 2786 unità di personale e sono di poco superiori all’organico di fatto.

Il criterio adottato per la definizione dei due contingenti è stato unicamente quello dell’invarianza della spesa prescindendo dalle funzioni trasferite presso le RTS e ha sancito definitivamente il principio, se ce ne fosse stato ancora il bisogno, che l’operazione della chiusura delle DTEF è a costo zero per l’Amministrazione ed il prezzo verrà pagato solo dai lavoratori!

INFORMATIVA SUI PASSAGGI DAL MEF ALL’AAMS

- i passaggi quantificati all’8 febbraio 2011 sono pari a 1439 unità;

- questo dato è tuttora soggetto a variazione per effetto delle eventuali revoche al trasferimento che potrebbero ancora essere presentate;

- rispetto alle originarie 1784 istanze di trasferimento sono state prodotte 345 revoche.

LOGISTICA

- sono stati forniti gli elenchi delle sedi delle RTS e delle sezioni territoriali dell’AAMS che però potranno essere soggetti a variazione per gli immobili che verranno giudicati inadeguati per motivi di capienza o di sicurezza.

La USB MEF è intervenuta duramente sulle varie questioni ponendo l’attenzione sul fatto che, a pochissimi giorni dall’attuazione del passaggio di funzioni, nelle RTS regna la confusione totale sull’adeguamento organizzativo ai nuovi compiti istituzionali.

La nostra Organizzazione Sindacale, in particolare, ha denunciato l’assenza della Ragioneria Generale dello Stato dalle precedenti sessioni negoziali ed ha chiesto precise risposte riguardo alle misure, anche emergenziali, da adottare dal 1 marzo.

Le risposte ricevute sono state letteralmente disarmanti e sintetizzabili in ”stiamo analizzando, stiamo riflettendo, stiamo valutando”.

È sembrato quasi che si stesse parlando di una sorta di ricerca d’identità attraverso l’esercizio di un’introspezione riflessiva e meditativa piuttosto che cercare soluzioni per evitare ricadute insopportabili su migliaia di lavoratori e centinaia di migliaia di cittadini utenti.

Pertanto, ai danni precedenti provocati dalla gestione delle operazioni di passaggio delle funzioni e del personale si aggiunge l’inadeguatezza organizzativa della Ragioneria Generale dello Stato che non ha ancora uno straccio di progetto per gli uffici territoriali.

E il 1 marzo è alle porte…

La USB MEF non intende fare sconti all’Amministrazione e metterà in campo tutte le azioni necessarie per tutelare i lavoratori lasciati allo sbaraglio nel tentativo di coprire responsabilità politiche ed incapacità amministrativa.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni