VIGILI DEL FUOCO "MO BAST"!

Napoli -

IN PIAZZA IL 25 OTTOBRE

VIGILI DEL FUOCO IN PIAZZA, CONTRO I BLA BLA BLA

Salerno. Dopo aver tentato in tutti i modi di scongiurare lo sciopero e annessa manifestazione a Roma dei Vigili del Fuoco, martedì sera, a seguito delle procedure di raffreddamento tenute al ministero dell’Interno, in una riunione presieduta dal Sottosegretario Rosato, i rapporti si sono ulteriormente inclinati con la rappresentanza di base Cub. «Niente di nuovo è trapelato dalla conciliazione. Dopo la campagna antincendio di questa estate ed il fallimento del sistema Protezione Civile, il Governo ha rimosso quanto accaduto e non ha destinato risorse sufficienti a ripianare sia i debiti che rafforzare la flotta di automezzi del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco – sottolineano in una nota i responsabili di base dei Vigili del Fuoco – Tanto meno si parla di mettere mano, attraverso provvedimenti parlamentari, al dualismo in materia di soccorso alla popolazione. Inoltre, in merito agli organici ormai ridotti all’osso, al di là di aver solo predisposto la ricezione delle domande per stabilizzare i precari (presso i Comandi provinciali dei Vigili del Fuoco), bisogna aspettare lungaggini politiche prima di poter essere autorizzati a stabilizzare il primo precario. A questo punto, come categoria, ci si pone la necessità di modificare gli ultimi accordi firmati da Cgil, Cisl e Uil, che penalizzano i lavoratori del Corpo nazionale in termini di rinnovo dei contratti di lavoro con improponibili somme, scadenze e ritardi concordati – peggioramento dello scalone “Maroni” con all’ungamento dell’età pensionabile e applicazione automatica dei coefficienti più penalizzanti di quelli che erano stati previsti dal precedente Governo – nessuno riconoscimento delle attività usuranti – decontribuzione degli straordinari per favorire sfruttamento oltre l’orario ordinario dei vigili del fuoco. – triennalità dei contratti di lavoro. In queste condizioni ormai ci stiamo avviando verso la chiusura delle attività del Corpo nazionale e quindi prima, che accada, che il paese si trovi senza una struttura di salvaguardia della incolumità dei cittadini».
Pertanto il prossimo 25 ottobre i Vigili del Fuoco saranno in piazza a Roma a manifestare il proprio dissenso verso il Governo in carica presieduto da Romano Prodi e lo sciopero sarà esteso a tutti i posti di lavoro compresi gli aeroporti. Una situazione oggettivamente insidiosa per assicurare sicurezza.

Il prossimo venticinque ottobre sciopero nazionale contro il governo Prodi

Rdb/CUB Federazione di Salerno

Ultime Notizie

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni